• Ambito
    Sociale
  • Budget
    16.225 €
  • Mancanti
    11.375 €
  • Durata
    12 mesi
  • Completo
    No

Aggiornato al 30 settembre 2021

donna lavoro rifugio emmausDove si realizza
Addis Abeba continua ad essere una gran metropoli con una popolazione che, anche se non ci sono cifre ufficiali, può superare i 10 milioni di abitanti. Le fasce di povertà attorno alla citta crescono tutti i giorni, e anche se ci sono dei tentativi da parte dell’amministrazione di costruire strade e servizi minimi per gli abitanti di queste vastissime aree, non riesce a raggiungere tutte le realtà.
La zona in cui si realizza il progetto è una zona periferica della città chiamata Yeka Michael Sub City, dove è presente una nostra comunità di Suore Comboniane da più di 40 anni.

Descrizione del progetto
Negli ultimi anni la società etiopica è cambiata profondamente ed un disagio enorme sembra solo ora mostrarsi.
Molte donne vengono molestate sia in famiglia che sul lavoro, e cosi alcune si trovano con gravidanze involontarie. Le famiglie spesso poco supportano le ragazze e quest’ultime si ritrovano in mezzo alla strada.
In collaborazione con una associazione di volontari, che a loro volta collabora con gli uffici governativi, si offre un servizio di accoglienza per ragazze madri con un progetto di recupero che va dai tre ai sei mesi.
donna rifugio emmausIn questo periodo le ragazze vivono nella casa di accoglienza e imparano a prendersi cura e ad amare i loro bambini, cosi come piccoli programmi volti a dare loro piccole competenze professionali.
Si dà una particolare attenzione alla riabilitazione delle donne e al loro reinserimento nella società insegnando loro lavori artigianali per poter vendere i prodotti al mercato locale.

Obiettivi
• Assistere donne con bambini neonati cha hanno bisogno di un posto dove abitare
• Offrire loro vitto e alloggio, così pure servizi medici ai bambini e alle stesse donne quando li necessitano
• Insegnare loro la confezione di una serie di oggetti artigianali locali da poter vendere, cosi che possano diventare economicamente indipendenti dopo l’esperienza del rifugio
• Offrire un servizio di sostegno emotivo e umano alle vittime della violenza

Beneficiari
Diretti: 24 donne che saranno ospiti di questa casa-famiglia e i loro bambini
Indiretti: le famiglie e la società

Costi del progetto

Descrizione Costi in Euro
Cibo € 3.000,00
Trasporto/carburante/ spese macchina € 2.000,00
Medico/ medicine € 1.375,00
Vestiario/ detersivi € 1.500,00
Aiuto reinserimento € 2.500,00
Manutenzione casa € 500,00
Utenze (luce, acqua, carbone, gas) € 1.300,00
Compenso collaboratrice cuoca € 1.000,00
Materiale per apprendimento € 500,00
Telefono /cancelleria € 500,00
Salario guardiani € 1.250,00
Compenso referente € 800,00
TOTALE  € 16.225,00

 

Referenti del progetto Sr Angela Mantini e sr Tilde Ravasi