omaira bambiniCarissimi amici,
mi chiamo Omaira e sono una missionaria comboniana di origine colombiana. Al momento mi trovo in Zambia, nella diocesi di Mongu.
La mia prima esperienza è stata nella “Commissione Diocesana per la Catechesi”. Ho lavorato con un'altra comboniana e ci siamo occupate della creazione e della preparazione del materiale catechistico in inglese e in lingua locale, oltre che dell'attuazione dei programmi di formazione e del monitoraggio dei programmi di catechesi e della formazione dei catechisti nelle parrocchie.
È stato un periodo intenso e bellissimo perché ho avuto l'opportunità di incontrare molte persone nei loro contesti e di imparare dal loro modo di vedere la vita e da come vivono la loro fede.

Successivamente mi hanno affidato un altro ministero, la “Commissione Diocesana Giovani”. Provavo una certa paura perché non mi vedevo pronta ad assumermi una così grande responsabilità. Infatti, sarei stata coinvolta nella gestione del centro giovanile e nel coordinamento dei vari programmi per i giovani a livello diocesano.
Ho pregato molto e poi ho accettato il tutto come una nuova sfida. Ho sentito nel mio cuore che, essendo una giovane sorella, potevo in qualche modo entrare facilmente in contatto con i giovani e camminare con loro, condividendo la mia fede e la mia esperienza e allo stesso tempo permettendo loro di contribuire molto alla mia vita. Ho sentito risuonare le parole di Comboni: “Salva l'Africa con l'Africa” e in questo caso “Salva i giovani con i giovani”.

omaira comunita monguUna delle esperienze più belle e indimenticabili è stata la celebrazione dell'anno dei giovani 2018-2019 quando il Vescovo mi ha chiesto di organizzare un pellegrinaggio con la croce che potesse coinvolgere tutte le parrocchie. È stata un'opportunità per me di condividere la mia passione missionaria.
Questo pellegrinaggio giovanile diocesano con la "croce missionaria" è stata l'attività centrale di quell'anno, che ci ha portato a tante attività, come i campi missionari e le visite alle parrocchie, con l'obiettivo di approfondire la nostra identità a livello umano e spirituale. Il passaggio della croce missionaria in ogni parrocchia è stato un momento significativo e toccante non solo per i giovani, ma anche per i sacerdoti, gli operatori pastorali e gli altri fedeli.
Sono stata felice e commossa nel vedere come l'intera comunità cristiana ha vissuto questo momento con entusiasmo, fede e gioia.

Un altro evento significativo è stata la creazione del gruppo di animatori missionari, nato come un sogno e che oggi conta più di 30 giovani che hanno vissuto i laboratori e si sono impegnati in un modo o nell'altro nelle varie attività.
Sento che è stato come accendere la fiamma in quei primi 7 giovani che poi sono stati e sono tuttora quelli che continuano a condividere la loro luce e ad accendere la fiamma di altri giovani.
omaira ragazzi madre terra
Attualmente mi trovo in una zona rurale dove le Suore Comboniane portano avanti un progetto chiamato “Madre Terra”. È un centro agricolo, sociale e spirituale che mira a sensibilizzare gli abitanti del territorio sull'importanza di relazionarsi con il creato, non come proprietari ma come buoni amministratori, aprendo gli occhi ai bisogni dei più deboli e vulnerabili e approfondire la nostra identità di cristiani.

Mi sento chiamata ad essere un ponte di speranza, tenerezza e riconciliazione qui e ora. E come ha detto Comboni, mi piacerebbe avere mille vite per offrirle tutte alla missione, perché quando ti impegni con tutta te stessa nella missione che ti è stata affidata, ti rendi conto che una vita non basta!

Sr. Martín Jiménez Omaira Susana