christmas party kuchinateOgni anno, in questo periodo, le donne rifugiate e richiedenti asilo africane attendono con ansia la festa di Natale che si tiene a Kuchinate, il centro dove queste donne trovano una seconda casa, una famiglia, un luogo sicuro e sereno, una spalla su cui piangere, persone che le sanno ascoltare con tanta empatia.

Le settimane prima della festa, il centro si mobilita diventando come un formicaio dove tutti sono impegnati a preparare la festa, a dare il proprio contributo perché nella barca della loro vita è importante essere solidali e prendersi per mano l’una con l’altra.

christmas party kuchinate2Le volontarie, di diverse nazionalità, sotto la direzione di Sr. Agnese e Sr. Azezet, si aggirano per il centro, decorando i locali, incartando i regali, preparando i tavoli per il cibo prelibato cucinato dalle donne.
La festa di Natale è un'occasione per queste donne per dimenticare, o meglio, mettere da parte i loro problemi, anche solo per poche ore, e godere della bellezza di stare insieme in un'atmosfera serena e accogliente.

E se ogni anno è possibile donare un po’ di serenità a chi fa fatica a trovarla, a chi è continuamente minacciato dall’insicurezza quotidiana, è grazie alla generosità dei nostri benefattori, in particolare di Alessandro Molteni che da quattro anni contribuisce a far suonare una nota più gioiosa sul rigo musicale della vita di queste donne.
Di sicuro, la gioia e la serenità di questo giorno rimarranno nei loro cuori per sempre.
Un grazie particolare anche agli amici israeliani che si sono uniti a noi in questo gioioso evento, per il loro sostegno, la vicinanza e l’incoraggiamento alle persone più vulnerabili che vivono qui in Israele.