bambini centro daniele comboniNon c'è da stupirsi che Giovanni sia chiamato l'amato (Gv 19,16) perché era il più giovane tra i discepoli di Gesù. Sicuramente Gesù non poté resistere ad amare il giovane; pieno di passione, energia, sogni, dedizione, rispetto, entusiasmo, amore.
Essere giovani è qualcosa di bello di per sé. La compagnia dei bambini deve aver dato anche a Gesù la gioia di poter dire in (Mt 19:14) “Lasciate che i bimbi vengano a me, non impediteglielo! Perché di costoro è il Regno dei Cieli".

In effetti mi dà tanta gioia vedere bambini e giovani nel Saint Daniel Comboni Social Development Centre in Makeni Villa, Lusaka, Zambia.
Ogni giorno circa 150 ragazze e ragazzi vengono nel nostro campo polivalente per il calcio, il basket, il netball e diversi giochi.
Ognuno di loro si unisce ad un gruppo in base ai propri gusti. I bambini e i giovani provengono dal quartiere di Makeni Villa, appartengono a diverse chiese, tribù, scuole e hanno diversi background. Ma sono uniti nello sport senza alcuna discriminazione.

esercizi al centro daniele comboniÈ bello il modo in cui i giovani si organizzano. Alcuni diventano allenatori, alcuni assistenti e altri studenti mentre istruiscono sé stessi con autorità e fermezza. La collaborazione e la comprensione tra di loro sono davvero fantastiche. Si preoccupano e si amano come fratelli e sorelle.

Makeni Villa è uno dei quartieri di Lusaka. È un'area povera e molto popolata. O il Consiglio Comunale non ha progettato correttamente l'area o il design non è stato rispettato. Non ci sono strade e drenaggi adeguati.
Al momento siamo nella stagione delle piogge (siamo benedetti da un sacco di pioggia) Mi chiedo come le persone riescano ad uscire dalle loro case. I bambini devono essere molto pazienti dato che sono costretti a stare in case piccole, molto popolate e polivalenti.

Il Saint Daniel Comboni Social Development Centre cerca di rispondere ai bisogni dei bambini e dei giovani: è una delle sue priorità.
Le Suore Missionarie Comboniane con l'aiuto di diversi benefattori forniscono istruzione, una biblioteca, lezioni di computer e un parco giochi per i bambini e i giovani.
centro daniele comboniUno spazio pulito e sicuro in cui possono giocare, esercitarsi, interagire e imparare gli uni dagli altri. In modo che la nuova generazione possa essere felice, sana, creare solide relazioni tra loro e con la società in generale.

Il parco giochi è stato inaugurato il 4 agosto 2017. Da allora il numero dei giovani aumenta ogni giorno. Sono così felici di avere uno spazio in cui possono giocare liberamente. E a tal proposito vorrei dire grazie a tutti coloro che hanno contribuito in un modo o nell'altro a creare questa opportunità di un posto sicuro per i giovani. La gioia che avete portato ai bambini africani è enorme: noi amiamo giocare! A volte i bambini sono così concentrati sulla palla che non riescono nemmeno a sentire quando parli con qualcuno di loro. Mentre giocano diventano più amichevoli, più felici e aumentano il numero dei loro amici.

La sfida che stiamo affrontando è dovuta al luogo che è roccioso, pieno di pietre. È pericoloso per i bambini, mentre corrono per giocare, specie per i più piccoli che non vedono dove mettono i piedi, ma si concentrano sui loro giochi.
L'altra sfida è al di fuori del nostro centro, dove c'è un grosso fossato sul lato del muro. Le persone del circondario buttano tutta la loro spazzatura nel fosso. In questo momento è pieno di spazzatura e acqua. Lasci immaginare a chi legge l'odore, senza dimenticare la grande quantità di mosche, zanzare e persino di rane. Abbiamo bisogno di livellare il terreno con alcune pietre e ghiaia.

In conclusione il centro è un’oasi nel mezzo di tutto ciò che accade nella zona. Un luogo di: pace, amore, educazione, intrattenimento, crescita umana e spirituale, socializzazione e costruzione fisica.
Per la gioia e l'amore che è condiviso qui al Saint Daniel Comboni Social Development Centre, vi diciamo Grazie!

Zicomo! Grazie!
Sr. Saba Ailay


CONTINUA A SOSTENERE IL SAINT DANIEL COMBONI SOCIAL DEVELOPMENT CENTRE

News

21/Giugno/2018

Il grazie di Yao

Esco dalla porta del mio ufficio e trovo Yao (nome di fantasia) alla finestra di Brigitte (nome di fantasia), la segretaria. “Viva Iddio che sei…
04/Giugno/2018

La gioia dei miei giorni

Non c'è da stupirsi che Giovanni sia chiamato l'amato (Gv 19,16) perché era il più giovane tra i discepoli di Gesù. Sicuramente Gesù non poté…
18/Maggio/2018

Diritto al futuro

Cari amici e benefattori, un saluto di cuore dall’Etiopia! Innanzitutto vi voglio ringraziare per il vostro generoso contributo donatoci attraverso…
02/Maggio/2018

Combattenti per la pace

Questo gennaio, Jeremy e Yehiel, dei Rabbini per i Diritti Umani-Israele, ci hanno presentato Gil e Granite dell’Organizzazione “Combatants for…
04/Aprile/2018

La determinazione di fare la differenza

David Mwape è il figlio di una coppia di fruttivendoli porta a porta. Recentemente ha dato gli esami di livello nazionale di grado 12, passando a…
27/Marzo/2018

La vita che rinasce

Ogni volta che un bambino malnutrito viene ricoverato nel nostro centro terapeutico, il mio cuore è invaso da una grande tenerezza. Contemplare…
Pagina 1 | 2 | 3 > Last(14) Prossima >