alfabetizzazione donne lusakaLa signora Mwanza Maria ha 68 anni ed è la madre di 12 bambini. Vive a Lusaka, in Zambia. È un membro attivo del gruppo Action, nella parrocchia di Santa Monica. Questo è il suo terzo anno di partecipazione alla classe di alfabetizzazione, presso il Centro di sviluppo sociale di San Daniele Comboni. Lei viene a scuola dalle 15 alle 17, dal lunedì al venerdì. Nonostante il suo intenso programma di lavoro, è sempre presente, puntuale e desiderosa di imparare.

Ogni volta che la saluto con "mwachoma bwanji amai" che significa buon pomeriggio madre, lei mi risponde con “buon pomeriggio sorella”, in inglese. La signora Mwanza si offre volontaria ogni volta che chiediamo a qualcuno di guidarci nella preghiera e si vede che le piace parlare con Dio. Come lei lo chiama: "Ambuye wathu", Nostro Padre.
Non si stanca mai di tifare le sue compagne quando giochiamo. Soprattutto quando la sua classe vince sulle altre, la signora Mwanza fa cantare e ballare le donne con tanta gioia che diventa più interessante del gioco stesso.

I suoi progressi sono stati graduali. Sta facendo del suo meglio. La sua costante presenza in classe la sta aiutando a migliorare.
Un giorno, in assenza dell'insegnante di Alfabetizzazione, sono andata ad insegnare nella sua classe. Quel giorno, in particolare, c’era la lezione di matematica. Ho assegnato loro alcune addizioni. Tutti erano occupati a risolvere i calcoli in silenzio. Pensavo che Maria potesse aver bisogno di aiuto e così sono andata da lei e le ho chiesto: è tutto a posto, mamma?
corso alfabetizzazione donne lusakaLa sua risposta mi ha lasciato senza parole e ha rotto il silenzio nella classe scoppiando a ridere. Ha detto: sorella quest'anno non uso più le pietre per fare le addizioni. Ora so come farlo a mente. Tutte le altre donne lo hanno confermato. Ebbene sì, abbiamo imparato.
Abbiamo riso insieme, sentendoci bene, felici del cambiamento. Le madri, che hanno perso la possibilità di apprendere prima di ora, l'hanno capito e stanno usando l'opportunità con gratitudine e impegno. È stato bello vedere queste madri sentirsi soddisfatte e orgogliose.

Le donne che vengono a scuola al Centro di Sviluppo Sociale di San Daniele Comboni provvedono ai bisogni primari della loro famiglia commerciando: comprando e vendendo verdura, frutta, vestiti di seconda mano. Alcune di loro vanno porta a porta per vendere i loro oggetti. Sono loro le capofamiglia della loro grande famiglia.
Nonostante il loro programma intenso, sentono il bisogno e l'importanza dell'apprendimento. Quindi si sforzano di frequentare le lezioni. L’obiettivo che si sono poste di raggiungere è incredibile. Dicono: "Ndifuna kuwerenga Bible" cioè voglio leggere la Bibbia.

La capacità di queste donne di fare molte cose è sorprendente. Non sono mai scoraggiate dalle sfide che devono affrontare. Povertà, malattia, mancanza di disoccupazione, scarsa sicurezza, problemi nelle loro famiglie e nella società in generale non le sconfiggono mai. Avanzano mentre ripongono la loro speranza e confidano in Dio.
donne makeni ville lusaka150 madri si sono iscritte a corsi di alfabetizzazione quest'anno. Nei due anni precedenti abbiamo avuto tre classi. Il grande numero ci ha obbligato ad aprire la quarta classe quest'anno. Un gruppo impara a leggere e scrivere in Chinyanja, nella lingua locale e negli altri tre gruppi in inglese. Alcune di loro non sono mai state a scuola e alcune vogliono rinfrescare ciò che hanno imparato tempo fa.

Le madri pregano insieme prima e dopo le lezioni, organizzano seminari per ampliare le loro conoscenze, per potenziarle con capacità di auto-sostenibilità, con programmi di sensibilizzazione su salute, igiene, diritti umani e relazioni. Per la socializzazione hanno sport, celebrazioni e gite in modo che possano rilassarsi e conoscersi meglio.

Per rendere vero il sogno di potenziare le nostre madri, molte persone le seguono. A cominciare da te, che stai leggendo queste informazioni, i beneficiari del Centro di sviluppo sociale di San Daniele Comboni vorrebbero dire "Zikomo!" Grazie!
Le tue preghiere, il sostegno morale, l'aiuto finanziario sono molto apprezzati e stanno facendo una grande differenza nella vita di molte madri, bambini e giovani meno privilegiati. Le donne sono abilitate spiritualmente, accademicamente e socialmente. I bambini sono tenuti lontani dalle strade e stanno imparando e socializzando grazie a mani premurose. I giovani sono contenti di disporre di un Parco Giochi e di un ambiente sicuro e pulito.

Grazie e Dio ti benedica!